Natura, Salute & Creme solari

"Tutto nel suo insieme, l'industria cosmetica è una delle industrie più non regolamentate al mondo, e questo significa che dobbiamo stare molto attenti nella scelta di ingredienti sicuri."

- Karl, Suntribe Co-Founder

Dopo decenni di ricerche è ormai chiaro che ci sono diversi motivi molto reali di preoccupazione quando si tratta di cosmetici e crema solare. I problemi sono complicati. Per lo più si tratta degli ingredienti utilizzati e di come non vengono testati e valutati correttamente prima che siano approvati per l’uso in cosmetici e immessi sul mercato. Ci sono 1000 di diversi ingredienti approvati da utilizzare e le aziende cosmetiche non hanno bisogno di testarli, o addirittura smettere di usarli una volta che la ricerca li trova dannosi. Nel suo insieme, l’industria cosmetica è una delle industrie più non regolamentate al mondo, il che significa che dobbiamo essere molto cauti.

In questa sezione vogliamo cercare di spiegare i problemi in un modo che abbia senso. Prima riassumiamo, poi andiamo in profondità. Se sei più una persona del cinema, ti consigliamo di guardare Toxic Beauty (2019) per conoscere questi problemi. Questi tre punti evidenziano i principali problemi con i cosmetici e la protezione solare oggi

1.

Alcuni sono pericolosi

Alcuni ingredienti si sono dimostrati direttamente pericolosi per l’uomo e dannosi per l’ambiente. Prendiamo due esempi: studi recenti hanno dimostrato che esiste un legame tra l’uso di protezione solare chimica durante la gravidanza e le malattie rare nel bambino (DiNardo & Downs 2019) e la correlazione tra l’uso della protezione solare chimica e lo sbiancamento delle barriere coralline sono state a lungo dimostrate (Danovaro 2008, Legno 2018).

2.

Alcuni sono ancora incerti

Molti ingredienti utilizzati nei cosmetici e nella protezione solare non sono ancora valutati correttamente. Ciò significa semplicemente che non sappiamo davvero se sono sicuri per l’uso! Due famosi esempi di categorie di ingredienti che erano (e sono ancora) presenti in molti cosmetici, ma che ora si sono dimostrati dannosi sono ftalati e parabeni. Risolviamo il problema degli ingredienti incerti usando quelli che si sono dimostrati non pericolosi.

3.

Alcuni sono difficili da capire

Cosmetici e crema solare possono essere molto difficili da capire, e quindi può diventare pericoloso. Un esempio comune dell’industria cosmetica è l’etichettatura di profumi e fragranze. Queste etichette possono nascondere alcuni ingredienti molto cattivi ed è semplicemente impossibile saperlo! Ogni volta che un produttore sceglie di utilizzare quei termini generici per i propri ingredienti, vale la pena sapere che in diversi casi sono stati trovati contenenti ingredienti dimostrati dannosi.

Natura, Salute & Creme solari
Con il cibo di solito capisci l'elenco degli ingredienti, ma capisci cosa dice sul retro della tua crema solare?

Il cambiamento è in arrivo

Pensiamo che la prova del mondo reale colpisca sempre a casa più duramente. Ecco i migliori esempi che noi di Suntribe pensiamo dimostrino che il mondo si sta dirigendo verso un cambiamento quando si tratta di protezione solare.

Le agenzie governative stanno iniziando a reagire

La FDA e agenzie simili stanno attualmente rivalutazionendo la loro posizione tradizionale sui filtri UV chimici. Ora hanno ammesso che la maggior parte di queste sostanze chimiche non può più essere considerata sicura e che possiamo aspettarci che le normative cambino. Questi studi mostrano chiaramente che diversi filtri chimici UV vengono facilmente assorbiti nel flusso sanguigno, che combinato con studi che mostrano gli effetti negativi delle stesse sostanze chimiche, dipingono un quadro scuro. Ciò suggerisce fortemente che esiste un vero problema con i filtri UV chimici utilizzati nella protezione solare convenzionale e nella salute umana.

I paesi vietano le creme solari convenzionali

Diversi paesi hanno adottato misure per vietare una serie di filtri chimici UV. Ciò significa che non ti sarà più permesso di portare creme solari con questi ingredienti in tutto il paese o la regione. Ciò suggerisce con forza che esiste un vero problema con i filtri UV chimici e il degrado ambientale.

Ora avete un’idea generale del problema: sia gli esseri umani che l’ambiente soffrono a causa dell’abbandono e dell’uso di ingredienti nocivi da parte delle industrie convenzionali. Di seguito dai un’occhiata più approfondita alle diverse aree dell’industria cosmetica e della protezione solare e cerchiamo di mostrare quali pensiamo siano i problemi più grandi. Solo una volta che sai quali sono i problemi puoi evitarli e iniziare a risolverli!

Natura, Salute & Creme solari

Il problema dei cosmetici in generale

La cosmesi è una delle industrie più non regolamentate al mondo. Ciò significa che fondamentalmente dobbiamo solo fidarci che le aziende utilizzino ingredienti sicuri. Questo è un metodo difettoso ed è sicuro di portare a pericoli e danni. Il grande problema è che ci sono così tanti ingredienti diversi utilizzati nei cosmetici e valutarli scientificamente tutti in condizioni realistiche e quotidiane è una sfida molto grande.

Questo è il motivo per cui spesso scopriamo che alcuni ingredienti sono dannosi solo col senno di poi. Quando scopriamo che un determinato ingrediente è dannoso, è già ampiamente disponibile sul mercato da diversi anni. Il modo per evitare questo problema generale nell’industria cosmetica è utilizzare solo ingredienti ben testati e scientificamente verificati che sono stati sul mercato e valutati per un lungo periodo di tempo. Il problema è che è molto economico e redditizio utilizzare sostanze chimiche sintetiche a basso costo, indipendentemente dal loro effetto sull’ambiente o sulla nostra salute.

Secondo la
mappatura
dei cosmetici di EWG (Environmental Working Group), possiamo trovare tutta una serie di ingredienti pericolosi nei cosmetici comuni di tutti i giorni. Questo non è un campo incerto della scienza – Sappiamo che gli esseri umani non traggono beneficio dall’essere a contatto con questi ingredienti, infatti sappiamo che sono dannosi per noi.

Di seguito dettaglieremo alcuni dei gruppi di ingredienti più ben ricercati e dannosi (clicca sull’ingrediente per saperne di più):

Natura, Salute & Creme solari

Il problema è a lungo termine

Come può essere? Com’è possibile che non siamo riusciti a scoprirlo prima e impedire che prodotti pericolosi siano disponibili per gli esseri umani di tutto il mondo?

La ragione più grande è che non lo sapevamo. Le questioni sono diventate evidenti solo dopo un lungo periodo di tempo in cui il consumatore era inconsapevolmente e a malincuore la cavia. Quando si tratta delle potenziali conseguenze che le cose o le azioni potrebbero avere sugli esseri umani e sull’ambiente (pensa al cambiamento climatico …) la nostra comprensione di solito è in ritardo di diversi anni o decenni rispetto alla realtà. Lo stesso vale per i cosmetici e la protezione solare. Il vero motivo per cui non lo sapevamo era perché non avevamo buone prove.

Tuttavia, nel corso del tempo la ricerca longitudinale (studi che guardano le stesse persone per un periodo di tempo più lungo), ha concluso che ci sono diversi problemi molto reali con i cosmetici e la protezione solare e che le regole devono essere cambiate per mantenere al sicuro sia noi esseri umani che l’ambiente.

Creme solari e cosmetici

Le creme solari sono definite cosmetici, ma richiedono un’attenzione particolare a causa dei filtri UV utilizzati nelle creme solari. Il filtro UV è l’ingrediente che fondamentalmente trasforma un prodotto cosmetico in un prodotto per la protezione solare. Le creme solari contengono (a) filtri UV chimici, filtri UV minerali o entrambi.

Copriamo a fondo le differenze e le definizioni in questo articolo

, ma ecco il gist: i filtri UV chimici ti proteggono dal sole che assorbe nella pelle e rende temporaneamente le tue cellule più resistenti al sole, questo processo richiede circa 20 minuti per essere completato dopo aver applicato. I filtri UV minerali ti proteggono dal sole creando uno strato protettivo sopra la pelle. Iniziano a funzionare immediatamente dopo l’applicazione e non influenzano le cellule. 

D’ora in poi parleremo solo dei filtri chimici UV, in quanto sono la categoria dei filtri UV che denota maggiore preoccupazione quando si tratta di problemi sanitari e ambientali. I filtri UV minerali sono ampiamente visti nella ricerca come alternative sicure e innocue ai filtri UV chimici, anche se è importante sapere che non tutti i filtri UV minerali sono ugualmente sicuri (leggi di più su questo qui).  

Come proteggersi dal sole quando si fa sport

Problemi di salute umana & protezione solare

I filtri UV chimici stanno finalmente ricevendo un esame in tutto il mondo poiché la ricerca è diventata sempre più chiara sul loro pericolo per l’uomo. 16 filtri UV sono stati tradizionalmente considerati sicuri dall’autorità americana FDA (FDA 2019), tuttavia dopo diversi studi la FDA ha ora riconsiderato la sua opinione e sostiene che 14 dei 16 filtri UV consentiti non possono più essere considerati sicuri in quanto non ci sono dati sufficienti per sostenere questa affermazione Questo significa che la FDA ha ora rimosso questi ingredienti dal loro GRASE (Generalmente accettata come sicura ed efficace) categoria. Questa è un’indicazione importante della necessità di stare lontani da questi ingredienti.

Alcuni studi affermano anche che i benefici della protezione solare scompaiono quando si utilizza un filtro UV chimico, perché il corpo prende più danni da quegli ingredienti rispetto al sole stesso (Krause 2012, Schlumpf 2010). In particolare, la FDA ha sollevato preoccupazioni su quanta di queste sostanze chimiche viene effettivamente assorbita dal corpo umano.

A questo punto, la FDA afferma che solo i due filtri MINERALI UV Zinc-Oxide e Titanium Dioxide, hanno abbastanza ricerche dietro di loro per essere considerati sicuri (FDA 2019). Questi due filtri UV minerali sono solo filtri UV attualmente nell’elenco GRASE della FDA.

Di seguito copriremo alcune conseguenze e malattie comuni che la ricerca ha collegato con l’uso di filtri UV chimici.


Secondo la mappatura della tossicità da parte di EWG nei filtri UV
chimici, le preoccupazioni più pressanti per l’uomo riguardano:

Alterazione endocrina e ormonale

Almeno 3 o più filtri UV chimici sono comprovati interferenti endocrini. Ciò significa che possono causare tutta una serie di problemi per la salute umana e sono di grande preoccupazione specificamente per le popolazioni vulnerabili come i bambini e le donne incinte. Le conseguenze includono peso alla nascita anomalo, problemi del sistema riproduttivo, problemi di fertilità, problemi di sviluppo, problemi alla tiroide, squilibri androgeni ed estrogeni, e l’elenco continua all’insidio (Ghazipura 2017, Janjua 2004, Schlumpf 2008, Schlumpf 2010).

Allergie cutanee

Una conseguenza comune dei filtri UV chimici sono le allergie cutanee. Questo può assumere forma come eruzioni cutanee comuni o come lo sviluppo di alveari della pelle e altre disfigurazioni simili della pelle.

Malattie rare

Esistono chiari legami tra i filtri chimici UV e alcune malattie gravi e altrimenti rare. Un esempio è la malattia di Hirschsprung, è un difetto alla nascita in cui mancano le cellule nervose alla fine dell’intestino di un bambino. Fa sì che i due punti siano ingranditi, mentre il retto viene rimpicciolito. Questo può essere estremamente rischioso per il bambino e la chirurgia deve essere eseguita per risolvere il problema. Leggi il nostro articolo del blog sull’argomento per illustrazioni e spiegazioni approfondite. Questa malattia è stata vista come più comune quando le donne usano filtri UV chimici durante la gravidanza. Un filtro UV che ha specificamente ricevuto attenzione con l’essere collegato alla malattia di Hirschsprung è l’ossibenzone.

Infertilità maschile

In uno studio universitario di Copenaghen è stato scoperto che 13 filtri UV chimici comunemente usati hanno legami con l’infertilità maschile. Nello studio è stato dimostrato che i filtri UV chimici riducono la fertilità attraverso l’alterazione endocrina. Maggiori informazioni sul nostro studio articolo del blog.

Ragazzo e uomo

Problemi ambientali & Protezione solare

Proprio come per i problemi di salute umana, i problemi ambientali della protezione solare provengono principalmente dai filtri chimici UV e i problemi che causano sono molto reali.

Ecco cosa noi di Suntribe riteniamo essere i più gravi problemi ambientali legati ai filtri chimici UV.

Danni ai pesci e ad altre forme di vita marina

Danni alla vita acquatica dovuti alla bioaccumulo e alla biomagnificazione delle tossine. Sembra pazzesco, vero? Fondamentalmente ciò che significa è questo: gli esseri umani rilasciano molti filtri UV chimici negli oceani, nei laghi e in altri ambienti naturali. Questi filtri UV chimici sono tossici. I pesci e altri animali marini hanno la tendenza ad accumulare queste sostanze chimiche nei loro corpi. Questo causa effetti estrogenici, il che è male, e questo danneggia gli ecosistemi nel tempo, e più gravemente più le sostanze chimiche si accumulano. Alla fine, mangiamo il pesce e accumuliamo le stesse sostanze chimiche tossiche all’interno del nostro corpo. Risultato finale: male per la vita animale, male per la vita umana.

Sbiancamento dei coralli

I filtri chimici UV hanno anche dimostrato di sbiancare le barriere coralline anche a concentrazioni molto basse (Danovaroet al. 2008

). Questo è considerato una grave minaccia per diverse aree della barriera corallina in tutto il mondo (Sharifan et al. 2016), e divieti di filtri chimici UV sono in fase di attuazione in diverse regioni in tutto il mondo per combattere il problema. Leggi il nostro articolo sul blog su perché sei posti in tutto il mondo firmato crema solare divieti di conoscere i venti positivi del cambiamento che soffiano. Il governo svedese ha finanziato uno studio che ha dimostrato che i filtri chimici UV causano quanto segue: a) Sbiancamento dei coralli duri b) Danni e deformazioni delle larve di corallo c) danni al DNA corallo e successo riproduttivo (Wood 2018).

Questi due punti che noi di Suntribe consideriamo motivi molto forti per smettere di usare filtri UV chimici. Il motivo per cui abbiamo iniziato Suntribe è stato quello di fornire un prodotto alternativo per la protezione solare, che non contiene filtri UV chimici o qualsiasi altro ingrediente anche lontanamente collegato al non essere sicuro. Questa ricerca è stata ciò che ci ha motivato ad iniziare il nostro viaggio, perché abbiamo potuto vedere che questo era un vero problema, ed essendo appassionati di protezione solare e amanti della natura volevamo aiutare con la soluzione. 

SPF, UVA & UVB

Puoi contribuire al cambiamento

Infine, c’è una bella soluzione perfetta per tutti questi problemi. Sei tu. Con la giusta conoscenza e determinazione è perfettamente possibile evitare la maggior parte, se non tutti i problemi che vengono con cosmetici convenzionali e crema solare. Esistono alternative responsabili a tutti gli scopi cosmetici immaginabili. Funzionano altrettanto bene, senza le conseguenze. Il problema ora sono le nostre abitudini, e la soluzione non è smettere di usare i cosmetici, è ripensare le nostre abitudini cosmetiche e passare a prodotti che hanno gli stessi risultati, ma senza conseguenze negative. 

Quando un numero sufficiente di persone ha imparato la realtà dietro gli ingredienti dei cosmetici, il problema se ne andrà di per sé, perché crediamo che nessuno sia pronto ad acquistare prodotti che senza una ragione apparente sono dannosi per noi o per l’ambiente. Soprattutto non quando esistono le alternative. Di seguito forniremo alcuni strumenti e suggerimenti su come puoi imparare a evitare i problemi e trovare le alternative.

http://www.safecosmetics.org/

– Leggi e scopri quali tipi di prodotti cercare e cosa significano effettivamente i nomi degli ingredienti.

https://www.ewg.org/skindeep/

Cerca ingredienti e prodotti e ottieni facilmente una panoramica della loro sicurezza.

https://suntribesunscreen.com/blog/

– Scopri ingredienti specifici da evitare e ottieni consigli per cambiare le tue abitudini e vivere uno stile di vita sostenibile.

Su questa nota, lasciamo il mondo oscuro dei problemi che ci hanno fatto iniziare tutti con questo in primo luogo, e concentriamoci sui risultati: la soluzione al problema. Se sei interessato alla soluzione di Suntribe a questi problemi, trovalo sul nostro pagina trasparenza.

Se sei interessato ad alcune delle nostre soluzioni partner, ti consigliamo di dare un’occhiata alle organizzazioni ambientaliste:

https://nordicoceanwatch.no/en/front/

  – Una fantastica iniziativa della Norvegia. Nordic Ocean Watch (NOW) è un giocatore pratico che fa un vero cambiamento nel mondo. Uno dei loro obiettivi è quello di gestire progetti che consentono alle persone di riciclare e rimuovere la spazzatura trovata sulle spiagge.

https://www.seagoinggreen.org/

  – La missione di Sea Going Green è quella di consentire alle aziende turistiche di rendere le loro attività più sostenibili. Misurano e gestiscono le impronte di carbonio delle aziende turistiche e le aiutano a ridurre il loro impatto ambientale.

Se sei interessato a vedere la nostra selezione di cosmetici sicuri garantiti, premi il pulsante qui sotto. Inoltre, un grande ringraziamento a te che sei troppo lontano nel testo. È solo attraverso la volontà delle persone di imparare e provare nuovi modi in cui possiamo avere un impatto positivo su questo mondo – e tu sei una di quelle persone!

C’è qualcosa che ci è sfuggito di cui ti sarebbe piaciuto saperne di più? C’è qualcosa qui che ti ha reso felice o triste, o forse anche sconvolto, e vorresti darci un feedback? La nostra azienda non è nulla senza il tuo feedback e le tue opinioni. Non esitate a contattarci tramite il modulo di contatto qui sotto:

referenze

Bonner, M., Han, D., Nie, J. et al. Rischio di cancro al seno ed esposizione nella prima infanzia ad idrocarburi aromatici policiclici che utilizzano particelle totali sospese come misura proxy. Biomarcatori di Epidemiologia del Cancro & Prevenzione. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15668476

Danovaro, R., Bongiorni, L., Corinaldesi, C. et al. Le creme solari causano lo sbiancamento dei coralli promuovendo infezioni virali. Prospettiva di salute ambientale. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2291018/

DiNardo, J. & Downs, C. (2019). L’ossibenzone può causare la malattia di Hirschsprung? Tossicologia riproduttiva. https://doi.org/10.1016/j.reprotox.2019.02.014

Eriksen M., Lebreton L., Carson H. et al. Inquinamento da plastica negli oceani del mondo: più di 5 trilioni di pezzi di plastica del peso di oltre 250.000 tonnellate a galla in mare. Plos Uno. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0111913

Ghazipura, M., McGowan, R., Arslan, A. & Hossain, T. (2017). Esposizione al Benzofenone-3 e tossicità riproduttiva: una revisione sistematica degli studi sull’uomo e sugli animali. Tossicologia riproduttiva. https://www.researchgate.net/publication/319296314_Exposure_to_Benzophenone-3_and_Reproductive_Toxicity_A_Systematic_Review_of_Human_and_Animal_Studies

Sharifan, H., Klein, D. & Morse, A. (2016). I filtri UV sono una minaccia ambientale nel Golfo del Messico: un caso di studio sulle zone costiere del Texas. Oceanologia. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0078323416300355

Janjua, N., Mogensen, B., Andersson et al. Assorbimento sistemico delle creme solari benzofenone-3, octil-metil-metossicinnamato e canfora 3-(4-metil-benzilidene) dopo l’applicazione topica di tutto il corpo e livelli di ormone riproduttivo nell’uomo. The Journal of Investigative Dermatology. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15191542

Krause M., Klit A. & Blomberg Jensen, M. (2012). Creme solari: sono benefiche per la salute? Una panoramica delle proprietà di alterazione endocrina dei filtri UV. Journal of Andrology. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22612478

Osterwalder, U. & Herzog, B. (2009). Fattori di protezione solare: confusione mondiale. British Journal of Dermatology. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.1365-2133.2009.09506.x

Schlumpf M., Kypke K., Wittassek M. et al. Modelli di esposizione di filtri UV, fragranze, parabeni, ftalati, pesticidi organoclorati, PBDE e PCB nel latte umano: correlazione dei filtri UV con l’uso di cosmetici. Chemiosfera. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21030064#

Schlumpf M., Durrer S., Faass O. et al. Tossicità dello sviluppo dei filtri UV ed esposizione ambientale: una revisione. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18194281

Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (2016). Catrami di carbone e piazzole carbone-catrame. Parte di: Relazione sugli agenti cancerogeni, 14a edizione. https://ntp.niehs.nih.gov/ntp/roc/content/profiles/coaltars.pdf

Legno, E. (2018). Impatto della protezione solare sulle barriere coralline. https://www.icriforum.org/wp-content/uploads/2019/12/ICRI_Sunscreen_0.pdf

Yooeun Chae, Youn-Joo An, Effetti delle micro e nanoplastiche sugli ecosistemi acquatici: tendenze e prospettive di ricerca attuali, Bollettino sull’inquinamento marino, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28222864/